MUSEO DEGLI ALPINI


Luglio 2021

IL SENTIERO DI PORTA DEL SOCCORSO AL CASTELLO DI CONEGLIANO:
REALIZZATO CON IL LAVORO DEI VOLONTARI DEI GRUPPI ALPINI M.O. MASET E OGLIANO

Tratto dal discorso di Marcello Silvestrin, Capogruppo di Ogliano
“I nostri vecchi ci hanno lasciato in eredità la cultura del nostro territorio e l’amore per esso e l’educazione civica, così anche noi dobbiamo lasciare una testimonianza ricca di valori.
Bisogna rimboccarsi le maniche e amare il nostro paese. Ringrazio tutti quelli che hanno collaborato, grazie all’amministrazione comunale passata e al Commissario Roccoberton.
Noi oggi vi consegniamo questo sentiero, questa nostra opera, speriamo non resti un’oasi tra le sterpaglie e che venga utilizzato e frequentato. Per i nostri Gruppi Alpini è motivo di grande orgoglio il poter consegnare alla comunità e alle nuove generazioni opere come questa.”

E’ stato inaugurato il 15 maggio 2021 il nuovo sentiero di porta del Soccorso che collega via dei pascoli, all’altezza di villa Canello, a Costa di Conegliano, con il giardino del Castello, attraverso l’antica porta del Soccorso. La porta si apre sulle mura nord che sono state esse stesse recuperate, per il tratto compreso tra la porta del Soccorso e quella che fu la torre Saracena, ora ristorante al Castello, grazie ad un accordo tra il Comune e gli attuali gestori del ristorante stesso.
Alla cerimonia, presieduta dal Commissario Prefettizio Antonello Roccoberton, per l’Amministrazione comunale, erano presenti le autorità civili e religiose e hanno portato il loro saluto Marina Montedoro, Presidente dell’Associazione per il Patrimonio delle Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene, Alberto Villanova, consigliere regionale del Veneto, Giovanni Carraro, giornalista e scrittore, appassionato cultore dei sentieri delle Prealpi, Gino Dorigo, Presidente della Sezione ANA di Conegliano. Una folta rappresentanza degli alpini dagli altri gruppi, accompagnava i due gruppi che hanno realizzato il sentiero. Toccanti le parole di Marcello Silvestrin, capogruppo di Ogliano, intervenuto anche a nome del gruppo M.O. Pietro Maset, che ha ricordato i valori e gli insegnamenti dei nostri nonni e padri per la valorizzazione ed il rispetto dell’ambiente ove viviamo e la necessità di trasmetterli ai nostri figli.
Il sentiero si sviluppa, per un tratto di circa 500 metri, salendo prima verso il dorsale collinare ove la Piccola Comunità coltiva un vigneto, per poi scendere, costeggiando lo stesso vigneto, verso lo spiazzo sovrastante la centrale dell’acquedotto. Da quello spiazzo si può godere una splendida vista, volgendo lo sguardo a destra, delle colline che a partire dal Colnù arrivano ad Ogliano e, guardando sulla sinistra, le colline che si spingono verso Manzana. Sullo sfondo le Prealpi con il col Visentin e il Nevegal, il monte Pizzoc con il Cansiglio, con la corona del gruppo del monte Cavallo. Proseguendo e risalendo la china sottostante le mura si arriva all’ultimo tratto sul quale, con un certo impegno si è dovuto costruire un passaggio rinforzato e protetto fino alla porta del Soccorso.
Il sentiero di porta del Soccorso è tra le opere individuate dall’amministrazione comunale di Conegliano all’inizio del duemila per il recupero e la valorizzazione del Castello di Conegliano, simbolo della Città. Tra queste solo le mura ad ovest trovarono realizzazione sempre grazie alla collaborazione e al contributo delle associazioni.

Alla fine del 2014 un gruppo di cittadini hanno rilanciato l’idea della realizzazione del sentiero rimasta sulla carta. Dopo una serie di incontri, allargati ad alcune associazioni, tra cui gli alpini, e a cui furono invitati assessori e consiglieri comunali, si decise di inviare una proposta di collaborazione al Comune, segnalando la disponibilità dell’associazione alpini di farsi carico della realizzazione.
Il 29 dicembre 2016, l’amministrazione comunale di Conegliano, accogliendo la proposta dell’Associazione Alpini di Conegliano, corredata dal progetto dell’arch. Sergio Vendrame, comunicò all’Associazione stessa e per il suo tramite ai Gruppi M.O. Pietro Maset e Ogliano, l’accettazione della “proposta di realizzazione di un percorso con partenza in corrispondenza del parcheggio di villa Canello e arrivo alla porta del Soccorso presso il Castello di Conegliano, approvando in linea tecnica il progetto (predisposto dall’arch. S. Vendrame, n.d.r.) autorizzando nel contempo l’Associazione alla sua realizzazione.” L’Amministrazione comunale stanziava, a favore dell’Associazione, a parziale copertura dei costi sostenuti per l’intervento, la somma di € 15.000.
Si iniziava così il percorso che, con qualche difficoltà e qualche aggiustamento del progetto, ha portato alla realizzazione di un percorso che l’Amministrazione comunale, rappresentata dal Commissario Prefettizio, ha dichiarato essere il primo importante esempio di una serie di sentieri, che dovranno arricchire Conegliano e le sue colline, con un sistema di accoglienza e valorizzazione della città e del suo territorio quale porta di accesso ad un’area divenuta patrimonio dell’Unesco.
Un grande riconoscimento, quindi, all’impegno degli alpini che merita ora un altrettanto forte impegno dei cittadini, anche attraverso altre associazioni (alcune delle quali si sono dichiarate disponibili a collaborare) per la gestione e la manutenzione del sentiero.

Gianfranco Losego